copertina waterjar quadrataVi riportiamo qua di seguito questo bellissimo articolo uscito questo mese sul magazine PLATFORM.
The Water Jar rappresenta una tappa del progetto “Fair Trade, Fair Peace”: percorso di collaborazione avviato anni fa, tra le due organizzazioni di commercio equo e solidale, Bethlehem Fair Trade Artisans palestinese e Sindyanna of Galilee israeliana, che in questo specifico evento esprime la creatività di artisti, designer e artigiani palestinesi, israeliani e italiani, come contributo al dialogo tra i popoli e al rafforzamento della pace giusta in Medio Oriente.

Qui potete scaricare il PDF

 

 

 

CONTINUA A LEGGERE>>>

Concept

Progettare l’acqua sembra un assurdo. Ma dal momento che sempre più dovremo confrontarci con temi ambientali, allora il design non può esimersi dal progettarla in tutte le sue vesti.

E’ da questa riflessione che è iniziato il lungo lavoro del curatore della mostra e del saggio H20 Nuovi scenari per la sopravvivenza, l'architetto Roberto Marcatti.

Ha chiamato a raccolta 100 tra architetti, grafici, designer che con tavole, disegni, schizzi, progetti e provocazioni hanno affrontato un tema sempre più attuale e urgente: l’acqua.

L’ambizioso filo conduttore del progetto è stato fin da subito quello di fare si che questi professionisti rivendicassero la vocazione sociale e civile della cultura del progetto e della comunicazione sottolineando i legami profondi che la stessa ha con l’attualità e con i problemi irrisolti del vivere quotidiano.

E forse per la prima volta questi interpreti sono usciti da un interesse di “classe" e liberamente hanno denunciato professionalmente ciò che non è etico e non risponde a un interesse sociale. Appositamente il curatore architetto Marcatti ha voluto rimanere alla finestra evitando di partecipare con una propria tavola in modo da garantire una situazione super partes, sapendo comunque che i partecipanti non sarebbero stati in grado di trovare soluzioni concrete a tutti i problemi.

Tuttavia il progetto “acqua" ha centrato il suo obiettivo: la cultura del progetto con questa iniziativa si è adoperata spontaneamente , senza nessun ritorno, mettendosi in gioco a sostegno di un credo, con la coscienza di poter prendere parte a un disegno di più ampio respiro.

La filosofia del progetto si è concretizzata con la mostra no profit itinerante e la pubblicazione del saggio. Sono state presentate in diverse località italiane e nel calendario di questo prossimo autunno sono previste due tappe importanti: Roma e Napoli. L’anno 2008 vede il progetto valicare il confine nazionale per essere presente sia in America del Nord che in Europa per l’evento tutto legato al tema dell’acqua all’Expò di Saragozza.

Accanto a questo percorso itinerante è nato anche un blog:

www.h2omilano.org/blog che ha come finalità quello di raccogliere tutto ciò che gira intorno al mondo dell’acqua, soprattutto raccogliendo da tutti i cittadini informazioni, preoccupazioni, consigli e quant’altro possa essere utile a farci sentire partecipi e attivi verso un problema che ormai riguarda tutta l’umanità indistintamente.

Welcome 200GBP Bonus at Bet365 here.