Un riconoscimento tricolore inaspettato .per l’Associazione no profit H2O nuovi scenari per la sopravvivenza.
Ambasciatrice della “cultura del progetto”  in Italia e all’estero  l’Associazione no profit H2O usa il linguaggio della architettura e del design per affrontare, con progetti concreti, l’emergenza mondiale della penuria di acqua, risorsa indispensabile per la  vita ma in fase di esaurimento.
Tra i principali obbiettivi associativi vi è la diffusione a tutti i livelli con seminari, workshop, incontri universitari e pubblici, di tematiche relative al progetto “water design” e alla conoscenza di tutti quei parametri che la caratterizzano.
2013, un anno ricco di riconoscimenti per l’Associazione no profit H2O. Quattro i premi ricevuti al Green Dot Awards di Los Angeles con i progetti Aquatecture,  dedicato alla progettazione di water centers e Acqua dueO dedicato alla comunicazione ambientale e infine la partecipazione, come partner culturale, al Bologna Water Design, manifestazione dedicata alla risorsa acqua con la partecipazione di architetti, designer, grafici, italiani e stranieri.
Oggi la selezione  alla ADI DESIGN INDEX 2013 da parte dell’Osservatorio del Design della Associazione per il Disegno Industriale ci vede presenti con l’intero progetto H2O nuovi scenari per la sopravvivenza all’interno del volume ADI INDEX  2013 e alla mostra DESIGN OPERA, allestita dallo studio N!O3, inaugurata il 1 ottobre alla Triennale di Milano.
Orgogliosi che la cultura del progetto sia patrimonio identitario della nostra nazione, l’Associazione no profit H2O, che per prima, dal 2005,  ha affrontato attraverso la cultura del progetto l’emergenza “acqua”  ringrazia i volontari, i water warriors, e tutti i creativi che insieme a noi hanno  portato avanti il progetto H2O con il suo contenuto etico, sociale e di sostenibilità ambientale.

Filmato a cura di Cintya Concari e Roberto Marcatti con Giacomo Cesaro, Andrea Episcopo, Andrea Rovati.