620x320xarte-crisi-watertank-b.jpg.pagespeed.ic.gL_yDWNSQz

Nato nell’estate del 2014 il Water Tank Project è un progetto volto a sensibilizzare i cittandini su tematiche che spesso non li toccano direttamente, come ad esempio la crisi globale per l’approvigionamento di risorse idriche che sta già flagellando zone dell’interno pianeta

.

Il progetto sfrutta il canale visivo come mezzo di comunicazione. In particolare vengono utilizzate le cisterne d’acqua che caratterizzano i tetti di New York. Famosi artisti e giovani designer sono stati chiamati a raccolta per personalizzare con una loro opera queste strutture visibili a tutti i cittadini.

Paesi come la Cina  o i territori subsahariani stanno già da diversi anni avendo a che fare con una crisi che si sta diffondendo in tutto il mondo, e che presto sarà irreversibile se non verranno prese misure drastiche e comuni.

xarte-crisi-watertank-a.jpg.pagespeed.ic.USKwhZAdnv

Infatti, nonostante già nel 1998 il Comitato Globale per il Contratto dell’Acqua (Global Committee for the Water Contract) avesse sostenuto che “The right to water is a part of the basic ethics of a good society, and a good economy” (“Il diritto all’acqua è parte integrante dell’etica di base per costruire una società giusta, e una economia valida”), a tutt’oggi problematiche inerenti alla scarsità o all’inquinamento dell’acqua nel mondo sono causa di morte di cinque milioni di persone ogni anno (per visualizzare cosa significhi cinque milioni di persone, si può per esempio immaginare che 34 jumbo jet che trasportano 400 passeggeri l’uno, si abbattano ogni giorno per un anno: questo significa 5 milioni di persone).

La Words Above the Street, l’associazione che ha dato vita al Water Tank Project, è convinta che il cambiamento possa avvenire più rapidamente e efficacemente se si parte da una diffusa e corretta educazione della popolazione.